L’Aristocrazia delle Mani, storie di artigiani e di mondi

“… le mani, si può dire, raccontano la nostra vita, ci servono per tracciare le nostre volontà, delineano le forme della nostra materia, diventano gli elementi identificativi della nostra personalità: in questi racconti le mani sono sempre a margine, vivono quasi sempre di riflesso quello che la storia traccia in modo indissolubile e che poi diventa l’unica verità, ma in questo caso sono le protagoniste assenti di una articolata narrazione intorno all’artigianalità nelle più svariate e variegate forme espressive. Ma bisogna comprendere che gli autori partono dal concetto di artigiano o di artigianato nel senso più sublime dell’interpretazione del termine, dove questi personaggi restano i veri possessori della storia non solo locale ma di quella che può essere scritta con le lettere maiuscole; infatti basta guardarsi attorno per vedere che sono proprio queste le prerogative che hanno fatto restare eterni piccoli borghi o che hanno contraddistinto luoghi molto più vasti o addirittura città…

Formato 15×21 cm
Pagine 268
Illustrazioni in bianco e nero
Brossura
Anno di Pubblicazione 2012

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’Aristocrazia delle Mani, storie di artigiani e di mondi”

SKU: ISBN 9788890748301 - Vuoi aiuto? Contattaci Lascia un commento

Categories: , , ,

“… le mani, si può dire, raccontano la nostra vita, ci servono per tracciare le nostre volontà, delineano le forme della nostra materia, diventano gli elementi identificativi della nostra personalità: in questi racconti le mani sono sempre a margine, vivono quasi sempre di riflesso quello che la storia traccia in modo indissolubile e che poi diventa l’unica verità, ma in questo caso sono le protagoniste assenti di una articolata narrazione intorno all’artigianalità nelle più svariate e variegate forme espressive.
Ma bisogna comprendere che gli autori partono dal concetto di artigiano o di artigianato nel senso più sublime dell’interpretazione del termine, dove questi personaggi restano i veri possessori della storia non solo locale ma di quella che può essere scritta con le lettere maiuscole; infatti basta guardarsi attorno per vedere che sono proprio queste le prerogative che hanno fatto restare eterni piccoli borghi o che hanno contraddistinto luoghi molto più vasti o addirittura città…